Carteggio Verdi-Cammarano (1843-1852)

a cura di Carlo Matteo Mossa

Istituto Nazionale di Studi Verdiani

Conversazione con Fabrizio Della Seta ed Alessandro Roccatagliati

Il testo aggiorna l’edizione del 2001 dell’epistolario tra Giuseppe Verdi e il librettista Salvatore Cammarano, che verte sulla genesi di opere come Trovatore, Luisa Miller, La battaglia di Legnano, Alzira. La nuova edizione, in particolare, include, contestualizza e commenta trentasei lettere di Verdi a Cammarano per la maggior parte del tutto sconosciute, che nel 2017 erano state messe all’asta da Sotheby’s di Londra e che furono acquistate dal Ministero della Cultura per metterle a disposizione degli studiosi.

Il volume, che contiene anche altri documenti inediti e un aggiornamento dello stato degli studi e della bibliografia, consta complessivamente di 643 pagine e vi si leggono 136 lettere, scritte tra il giugno 1843 e il luglio 1852.

L’Edizione nazionale dei carteggi e dei documenti verdiani, istituita dalla Direzione generale biblioteche e istituti culturali del Ministero dei beni e delle attività culturali il 6 ottobre 2015, ha assunto su di sé lo scopo – già perseguito sin dal 1978 dall’Istituto Nazionale di Studi Verdiani – di pubblicare l’intero corpus dei carteggi di Giuseppe Verdi in edizione critica, riunendo per ogni singolo corrispondente le lettere spedite e ricevute in trascrizione verificata sulle fonti e corredandole di un rigoroso apparato critico di annotazioni storico-documentarie.