Le arpe di Érard

unnamed

Etichetta JUL

Arpa Giuliano Marco Mattioli

Pianoforte Andrea Rocchi

unnamed

De la Musique Avant Toute Chose…’ Questo il primo verso di ‘Art poétique‘ del 1884 di Paul Verlaine, noto poète maudit, il cui stile fluido e musicale, giocato su ritmi impari, fu d’esempio alla generazione successiva oltre che d’ispirazione per pittori e musicisti contemporanei. La corrente eterogenea simbolista, mossa dall’esigenza di ricomporre una cultura vissuta come un tesoro minacciato dal materialismo e dalla tecnologia, vorrà le Arti (musica e letteratura in primis) riunite ed in dialogo fra loro, rifacendosi ad un’ideale purezza di un passato immaginario: l’amore per la cultura alta, la raffinatezza formale e per le analogie simboliche.

Così il recupero del Rinascimento fiorentino si manifesta in un ‘incanto di primavera’, tutto ‘olezzante di gelsomini e rose’, tipico dello stile floreale, o liberty, che è una delle componenti del gusto simbolista. Una ghirlanda di brani composti nella prima metà del XX° secolo, presentati in ordine cronologico, incorona l’arpa stile Louis XVI speciale di Erard costruita nel 1908 che in occasione di questa incisione compie 110 anni. Alle trascrizioni per arpa del primo ‘900 dei grandi maestri del passato e alle composizioni coeve per arpa ed arpa e voce, sottintende l’ideale artistico di d’Annunzio: “noi camminiamo di nuovo, io penso, verso le vette mistiche”, perché, “avendo le radici nelle profonde viscere della vita, l’arte espanderà la sua nuova fioritura, originale e suprema, in un’atmosfera di sogno”.

In questo momento non è possibile effettuare prenotazioni
La prenotazione è stata inviata con successo.
Posti disponibili:

Prenota il tuo posto

*Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Indicare Nome e Cognome di tutte le persone che usufruiscono della prenotazione

Acconsento al trattamento dei dati, come previsto dalla Privacy Policy del sito, riportata alla seguente pagina: Privacy Policy