La lunga carriera di Giuseppe Verdi iniziò proprio al Teatro alla Scala. Qui debuttò con Oberto, conte di San Bonifacio, nel 1839. Sempre alla Scala rivelò al mondo la sua grandezza compositiva con Nabucco, del 1842.

Il rapporto fra Verdi e la Scala è testimoniato dai molti ritratti presenti nel museo, in particolare nella sala 4. Fra questi spicca il Verdi severo ritratto da Achille Scalese. Ai due lati le grandi figure femminili che sono state al suo fianco: Margherita Barezzi e Giuseppina Strepponi.