Durante il Rinascimento si fece largo nelle piazze italiane un genere destinato a rivoluzionare lo svago di potenti e popolani: la Commedia dell’Arte. Questa traeva la sua forza dalla fisicità degli attori, dalla loro capacità poliedrica di ballare, recitare e cantare.

Le opere dell’incisore Jacques Callot ci fanno rivivere quest’atmosfera grottesca e irriverente. Nella sala 2 potete ammirare alcune riproduzioni pittoriche delle sue stampe, oltre che ceramiche e porcellane raffiguranti Arlecchino e altre celebri maschere.